Incuriosita da un crescente interesse verso l’argomento sesso, argomento tabù fino a pochi anni in un paese cattolico come il nostro, ho deciso di saperne di più. Quella che state per leggere è un’intervista ad una ragazza come tante, che ha scelto di mettersi in gioco…e di aprire proprio un sexy shop! Ringrazio da subito Paola Pettina per la sua disponibilità.
Buona lettura!

Come mai proprio un sexy shop? Ti piace il tuo lavoro?

Sono anni che penso di fare questa cosa, l’illuminazione l’ho avuta vedendo un negozio a Roma, non era un sexy shop qualunque, ma uno splendido negozio dall’aspetto di un boudoir anni 30, e vendeva prodotti fantastici, di design, intimo favoloso e prodotti per il corpo da usare in coppia. E’ diventato un po’ il punto di riferimento per i regali di compleanno con le mie amiche! Ma son rimasta folgorata dal fatto che degli oggetti erotici potessero essere anche eleganti.
Ora, per motivi personali sono costretta a stare a casa e quindi ho finalmente molto tempo per dedicarmi a questo progetto. Mi piace molto, soprattutto il fatto che al sito ho associato un blog dove posso affrontare temi “scottanti” e non, e spero diventi un punto di riferimento soprattutto per le donne che ancora hanno un certo imbarazzo nel trattare certi argomenti.

Quanti anni hai? Da quanto tempo l’hai aperto?

Ho quasi 40 anni. In realtà il sito aprirà a breve, ma c’è tutto un lavoro sotto che occupa gran parte della mia giornata, i contatti con le aziende, il testare i prodotti, lo scrivere sul blog e soprattutto cercare il pubblico giusto, perché c’è ancora molta diffidenza e troppo machismo culturalmente parlando, e quindi questo è il lato più difficile. Al momento vendo tramite la mia pagina facebook, ma non è facile, tanto più che i social network ti impediscono di pubblicizzare siti che vendono sex toys, altro sintomo di arretratezza a mio parere.

E’ solo virtuale o hai un negozio vero e proprio?

No, è solo virtuale, aprire un negozio online riduce di molto le spese e soprattutto i clienti non hanno l’imbarazzo di esser visti entrare in un sexy shop!

Come pensi che sia cambiata la tua clientela rispetto al passato? Pensi che sia molto più aperta a provare nuovi prodotti?

La clientela di un certo tipo sì. E per un certo tipo intendo quella che già usava sex toys, gli altri sono un po’ duri da convincere, ma il fatto che ora ci siano prodotti più sofisticati, aziende attente all’ambiente durante la produzione e l’utilizzo dei materiali e che abbiano un aspetto meno realistico e più elegante è sicuramente più invitante rispetto ai falli realistici che fino a pochi anni fa erano l’unico prodotto in circolazione.

Cosa pensi dei film 50 sfumature? Pensi che abbiano aperto nuove nicchie di mercato a coloro che erano restii a provare qualcosa di nuovo o pensi sia solo una versione edulcorata del sadomaso?

I film onestamente non li ho visti, ma la linea creata appositamente per rivivere le scene tra Anastasia e Mr Grey credo sia una mossa di marketing molto azzeccata! Sicuramente sono una versione edulcorata del sadomaso, i miei clienti che praticano il BSDM sicuramente non compreranno mai questi prodotti. Ma la linea in sé è buona, i materiali sono buoni e 50 sfumature è molto popolare, quindi non vedo il problema nel dire che è una versione edulcorata del sadomaso, anche un sadomaso più soft può essere piacevole!

Kit ispirato al film

Kit ispirato al film

Quando dici che lavori in questo settore hai paura del giudizio altrui? Ti sei mai sentita a disagio?

La verità? Io ho anche un lavoro “normale”, e sul mio posto di lavoro lo sanno solo un paio di persone fidatissime che so che non vanno a dirlo in giro. Purtroppo molti dicono di essere aperti a qualsiasi cosa, in realtà poi ti giudicano male eccome! Quindi faccio in modo che la mia vera identità non compaia mai. Con le altre persone invece non ho problemi, i miei amici lo sanno, mi prendono in giro, ma io sono la prima ad essere auto-ironica e a scherzarci su!

Ci sono mai stati episodi strani che ti hanno messo a disagio? Clienti strani?

Io faccio questo lavoro molto seriamente, quando mi viene chiesto qualcosa rispondo in modo professionale e non sono affatto avida di consigli. Ci sono state persone che mi hanno scritto in privato per avere informazioni e poi mi hanno improvvisamente inviato le foto del loro membro! E’ capitato spesso, facendo questo lavoro ed avendo 40 anni ovviamente non mi scandalizzo, o rispondo in modo ironico sminuendo il membro in questione, oppure blocco l’utente e la cosa finisce li. Non mi imbarazzo, ma mi lascia basita la maleducazione di queste persone, questo sì.

Ti hanno mai messo in imbarazzo richieste particolari?

No, come ho detto sopra rispondo sempre in modo professionale, anzi, anche andando contro i miei interessi magari, se mi chiedono prodotti particolari mi impegno anche a cercarli e a fornire indirizzi dove possono trovarli.

Questo mercato ha risentito della crisi recessiva?

Direi di no. Quello del sesso è l’unico mercato che non si satura mai!

Nuove tendenze?

Aaaaah la tecnologia sta aiutando molto anche questo settore! Un prodotto nuovo che a me piace tantissimo è ad esempio un simulatore di cunnilingus, è una vera chicca! E poi i masturbatori per uomo, c’è un’intera linea prodotta con i calchi delle vagine, delle bocche e degli ani delle pornostar più famose e dei pornostar più famosi. In più ci sono gli stimolatori elettrici, vibratori, pinzette per capezzoli eccetera che danno piccole scosse a basso voltaggio che danno un piacevole brivido!

Best seller in assoluto?!

Il buon vecchio vibratore, quello rimane sempre il prodotto più venduto e credo sarà così per sempre!

 

Vibratore 

Queste sono le mie pagine social:

Facebook. https://www.facebook.com/juicycandytoys/

Instagram: https://www.instagram.com/juicyroomcrowdfunding/?hl=it

Twitter: https://twitter.com/Juicy_Room

Il mio blog: http://www.juicyroom.it/

Grazie mille!

 

 

 

 
Digiprove sealCopyright secured by Digiprove © 2017 giulia fulceri

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.