IMG_9288

Premessa:

Chi mi conosce, sa benissimo che in campo musicale non sono un asso e che certe cose mi sono tutt’ora oscure, ma sono arrivata a 28 anni senza ancora capire i misteri del ‘fuori gioco’, non sapendo la differenza fra revisione e collaudo… quindi non mi sconvolgo più di tanto.

Tuttavia con il supporto di amici fidati, Wikipedia e  Google map, ho studiato e sono andata in missione nei meandri di Londra per procacciare le più sensazionali e fantastiche foto dei luoghi musicali che hanno fatto la storia. La mia caccia al tesoro inizia qua!

Abbey Road

Era il primo della lista, la mitica foto dei Beatles che attraversano le strisce pedonali non potevamo lasciarcela scappare.

Prendendo la Jubilee line verso nord alla fermata di St. John’s Wood e facendo pochi passi, si arriva facilmente a destinazione.

Avevo dato una veloce occhiata alla mappa per accertarmi di andare nella direzione giusta, sembra una zona residenziale molto tranquilla, non sapevo cosa mi sarei aspettata, ma non appena penso di essermi persa (non c’era nemmeno un cartello a pagarlo oro), vedo una folla di gente munita di macchina fotografica alla mano, si concentra ad un incrocio in particolare..rimetto via la mappa.. deve essere sicuramente quello.

Gente che rischia la morte per fare una foto.

Dopo essermi fatta 80 selfie, elaborato un book fotografico all’asfalto, rischiato la morte perché li, se non attraversi le strisce pedonali con macchine in corsa pronte ad uccidere i fenomeni in cerca del giusto scatto, ” turista sei? ” ho deciso di cambiare destinazione..

W1 Saville Row, l’ultimo concerto dei Beatles.

Arrivata in centro mi accorgo che le “attrazioni” sono un po tutte concentrate nella solita zona. Scendo a Piccadilly Circus ed inizio la mia caccia al tetto dell’ultimo concerto dei Beatles.

Selfie con la targa

Emozionante penserete voi! Mentre ero li che cercavo la via giusta, la mia attenzione viene colta da un negozio in particolare, e penserete voi.. shopping??Ti sembra il momento?

Amici,non si trattava di un negozio che aveva saldi, cibo o vintage, era Abercrombie and Fitch!

Abercrombie and Fitch

Sapendo che ci sono sempre i modelli nudi alla porta, mi dimentico anche completamente di cosa stavo facendo e mi precipito subito dentro. Siamo a Londra, nel Flagship store.. che diamine, ce ne saranno almeno 2, ma che dico, almeno dieci..dozzine..centinaia…

Mentre fantastico su fisici statuari, entro ed inizio a guardarmi intorno. Niente. Tutti vestiti. Domando per essere proprio sicura e mi dicono di no..la malinconia mi invade il cuore. Poi mi ricordo che avevo una missione e mi concentro. Realizzo che non intenzionalmente Abercrombie and Fitch é nel palazzo che stavo proprio cercando! Si trova proprio sotto il famoso tetto!

Il famoso tetto

La zona di per se è molto tranquilla e distinta, l’unico palazzo un po più basso e tozzo che si presta meglio all’operazione è proprio quello e non ci si può sbagliare.

 Il leggendario Roxy

La giornata si sta per concludere e dopo la parentesi Beatles, mi dedico alla ricerca di un locale che ha segnato la storia del Punk.

Londra, Neal Street in Covent Garden, troviamo il The Roxy, locale storico che ha fatto da scenario alla nascita del Punk degli anni settanta.

All’interno delle sue mura hanno suonato dal 1976 al 1978 artisti famosi che fanno storia tutt’oggi.

Gironzolando per questa via ero alla ricerca di un  edificio che avesse una parvenza di locale/bar e gira che ti rigira niente.Ero quasi proprio sul punto di abbandonare quando alzo il naso e tac, ecco la spiegazione.

Queste targhe si trovano nelle vicinanze di luoghi famosi e questo era un piccolo indizio che ero nel posto giusto ma al numero civico che il mio fidato google suggeriva, c’era un negozio di abbigliamento sportivo. Panico. E ora?!

Ma la provvidenza arriva in mio aiuto ed il negozio vicino, dipinto di un celestino molto peculiare, farà al caso mio.. avevo appena trovato quello che a me sembra il ” fan club del club Roxy“.

Entro un po’ titubante, non sapevo bene cosa aspettarmi, pero dentro ci sono due eccentriche signore che non aspettavano altro che me, per attaccarmi un bel pippone sul tempo che è stato.

Lista degli artisti che si sono esibiti nel locale.

vecchia locandina delle serate.

The Clash

La facciata originale..

All’interno c’è una vera e propria mostra fotografica, sembra quasi un santuario in memoria dei vecchi ricordi. Mi sento un po’ triste, oggi, i nuovi gruppi musicali non possono essere nemmeno comparati a coloro che hanno fatto la storia.

Gruppi del tempo che si esibivano live.

The Clash

Avrei voluto varcare la soglia di quel luogo magico, toccare le sue pareti dice un tempo si aggiravano i veri Punk dell’epoca, ma devo accontentarmi dei vecchi ricordi. Questa mostra è stata allestita il 25 aprile 2017 e si dice che in qst data abbiano partecipato anche Andrew Czezowski e Susan Carrington, i due fondatori.

Performance live

Foto post serata

L’avventura continua..

Dopo aver passato mezza giornata spersa fra le vie di Londra ed aver prodotto scatti mozzafiato, lascio al prossimo episodio, altri artisti fenomenali… la caccia continua,stay tuned…

Da Londra è tutto,  see you soon!

xxxx

(Blogger)

Background Economico, passione per il Marketing e Comunicazione d'impresa, sognatrice da sempre. Ho deciso di fondare l'associazione Triblog per realizzare progetti multidisciplinari e condividere passioni, creatività, idee...

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.